I netsuke presenti in questa pagina sono per sola consultazione



  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 4,8cm x 2,8cm x 2,3cm
  • Peso: 27,4gr

Descrizione: netsuke in avorio, tardo periodo Edo, firmato Matsuyama. Fukurokuju, una delle sette divinità della fortuna, viene spesso rappresentato nell'iconografia classica giapponese avente la testa sproporzionata rispetto al corpo. La tartaruga è invece simbolo di lunga vita e tenacia. In questo netsuke sono riunite alcune delle caratteristiche suddette. La figura veste i panni di un notabile giapponese, con dettagli di pregevolissima fattura.








  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 4,9cm x 2,3cm x 2,1cm
  • Peso: 19,4gr

Descrizione: netsuke in avorio, Edo jidai, firmato Nagaru. Soggetto inusuale, probabilmente rappresentato è il monaco pazzo che fissa la luna, riferimento al poema di Kyogetsubo. Oltre alla particolarità del soggetto sono da notare i dettagli del kimono e la lavorazione degli orecchini.








  • Nome oggetto (kanji): 印篭
  • Nome oggetto (romaji): Inro
  • Epoca : Meiji Jidai
  • Dimensioni (inro): 4,9cm x 9,6cm x 3,2cm
  • Dimensioni (netsuke): 4,3cm x 3,7cm x 1,7cm
  • Peso (inro): 46,1gr
  • Peso (netsuke): 19,8gr

Descrizione: inro a quattro scompartimenti in lacca urushi nera, del periodo Meiji, a tema paesaggistico in oro. Questo inro presenta una decorazione a tema paesaggistico cittadino in classico stile giapponese, con le decorazioni in oro parzialmente scomparse a causa del tempo. In contro luce il paesaggio é ancora perfettamente visibile in tutta la sua interezza, il che rende lo inro perfetto per un possibile restauro che vada a ridipingere l'oro sui tratti originali. I dettagli sono estremamente complessi e formano un paesaggio, fra templi, alberi e pagode, decisamente ricco. La lacca e la struttura dello inro sono perfettamente conservati. Il netsuke, in legno, di epoca successiva (Taisho/Showa), é anch'esso riccamente lavorato e presenta su un lato due figure umane, un dignitario ed una donna nell'atto di fumare un kiseru, e sull'altro un complesso motivo floreale di peonie. Anche il netsuke, ad eccezione di una leggera frattura laterale che non intacca i disegni, si trova in ottimo stato di conservazione.








  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,1cm x 2,3cm x 2,0cm
  • Peso: 17,1gr

Descrizione: netsuke in osso del periodo Edo a firma Matsuyama. Vi sono rappresentati due lottatori di Sumo mentre uno dei due viene afferrato dall'avversario per i capelli, scompigliandogli la tradizionale acconciatura. La posizione dei due lottatori è insolita e molto caratteristica. I dettagli sono resi con dovizia di particolari.







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,9cm x 2,2cm x 2,4cm
  • Peso: 23,1gr

Descrizione: netsuke in avorio di elefante risalente al medio/tardo periodo Edo, firmato Matsuda. Vie è rappresentata una donna vestita con il tradizionale kimono mell'atto di coprirsi il volto tramire il ventaglio. Il kimnono è decorato a fiori ed i tratti sono decisi e ben strutturati.







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,5cm x 3,5cm x 2,2cm
  • Peso: 33,4gr

Descrizione: netsuke in avorio fossile, risalente al medio periodo Edo, firmato Mitsuyuki. La peculiarità di questo netsuke risiede nel volto, che grazie ad una ruotazione è in grado di cambiare l'espressione del soggetto.








  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 4,5cm x 2,8cm x 4,6cm
  • Peso: 24,5gr

Descrizione: netsuke in avorio di elefante, tardo periodo Edo, firmato Mitsuyuki. I dettagli del kimono e degli oggetti sono di alto livello, come i disegni sul kimono stesso. Raffigurato nell'atto di cuocere unapietanza con un vecchio fornello da campo a legna. Da notare il kiseru inserito nello obi nella parte posteriore.








  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,1cm x 3,3cm x 1,9cm
  • Peso: 24,3gr

Descrizione: netsuke in avorio di elefante, tardo periodo Edo/Meiji, firmato Matsuyama. La peculiarità di questo netsuke risiede nel volto, che grazie ad un meccanismo è in grado di cambiare l'espressione del personaggio con una semplice rotazione.








  • Nome oggetto (kanji): 印篭
  • Nome oggetto (romaji): Inro
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni (inro): 5,6cm x 7,9cm x 2,2cm
  • Dimensioni (netsuke): 1,5cm x 3,6cm x 3,6cm
  • Peso (inro): 48,6gr
  • Peso (netsuke): 14,8gr

Descrizione: inro a tre scompartimenti in lacca urushi nera, del periodo Edo, a tema komainu con inserti in madre perla. Su entrambi i lati, omote e ura, sono raffigurati due komainu, la creatura mitologica metá leone e metá cane, e due grandi alberi, uno di pino e l'altro di ciliegio, gli alberi che piú rappresentano l'iconografia classica giapponese. Rendono la decorazione ancora piú dettagliata numerosi inserti in madre perla che contribuiscono ad illuminare il quadro generale. Le facce superiori ed inferiori dello inro recano una bellissima sfumatura in oro. Seguendo la tradizione i due komainu assumono posizioni differenti, l'uno voltato a guardare indietro e l'altro in avanti nell'atto di ruggire. Il netsuke, interamente in legno, presenta lateralmente una doppia decorazione floreale e sul lato superiore sei quadranti composti da linee geometriche. Lo stato di conservazione di entrambi, inro e netsuke, é impeccabile.







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,5cm x 3,5cm x 2,2cm
  • Peso: 24,4gr

Descrizione: netsuke in avorio, risalente al periodo Edo, firmato Mitsuyuki. L'immagine rappresenta la divinità Shooki, proveniente dal taoismo cinese e approdata in Giappone durante l'era Heian. Spesso raffigurata durante in periodo Edo in quanto riconosciuta quale divinità protettrice della casa,







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,5cm x 2,3cm x 2,1cm
  • Peso: 21,2gr

Descrizione: netsuke in avorio, risalente al periodo Edo, firmato Musashi. Rappresentazione di Fukurokuju, una delle sette divinità della fortuna giapponesi, con la tipica testa allungata. In compagnia della tipica tartaruga, simbolo iconografico di longevità. Kimono impreziosito da ricchi dettagli.







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,4cm x 1,9cm x 1,9cm
  • Peso: 16,1gr

Descrizione: netsuke in avorio, risalente al periodo Edo/Meiji, a firma Mitsuyuki. Qui raffigurato è Shooki, il famoso cacciatore e domatore di demoni, con uno di essi appoggiato sopra il proprio cappello. Nella iconografia tradizionale Shooki è spesso rappresentato come in questo netsuke, con la barba irsuta, la spada sguainata ed un demone sul cappello di paglia.







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Tardo Edo Jidai
  • Dimensioni: 4,0cm x 3,9cm x 3,9cm
  • Peso: 33,2gr

Descrizione: netsuke in avorio del tardo periodo Edo, XIX sec, firmato Mitsuyuki. Il netsuke ritrae un uomo anziano, un saggio, dai lunghi capelli con il tradizionale cappello di paglia giapponese ed un cesto di vimini al braccio intento a riposare su un tronco d'albero. L'uomo reca inoltre in mano un bastone che a prima vista appare di bamboo ma che osservato con attenzione sembra fatto di ossa. I dettagli sono eccellenti. I lunghi capelli sono scolpiti uno ad uno con meticolosa precisione. Il tronco su cui riposa sembra realmente di legno, con venature ed incavi. I dettagli del kimono sono peró quelli che piú colpiscono, con una fantasia che seguendo le pieghe del vestito ne ricopre l'intera estensione, con ricami e fiori di realistica raffigurazione. Il volto dell'uomo, come si puó osservare dalle foto, presenta tutta la carica espressiva che l'artista ha voluto conferirgli. Il presente netsuke si colloca fra quelli di alto livello.







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Tardo Edo Jidai
  • Dimensioni: 3,2cm x 3,7cm x 3,1cm
  • Peso: 26,1gr

Descrizione: netsuke in avorio del tardo periodo Edo, XIX sec, firmato Shozan. L'uomo qui raffigurato con aria rilassata tiene una zucca in una mano mentre appoggia il volto sull'altra. I particolari del viso sono netti e ben delineati (perfino i denti risultano curati e dettagliati ed i capelli minuziosamente riportati) e comunicano un raro stato di grazia del soggetto; la capigliatura é quella classica del Giappone medievale. Le finiture sono quelle di un maestro intagliatore, dal kimono fino al sandalo che compare fra le pieghe. Il kimono é forse quanto di piú curato si possa osservare in un netsuke. Le fantasie di collo e mani, netti e perfettamente delineati, sono seguiti da finiture piú grandi raffiguranti il kamon hanabishi, mentre sulle estremitá di maniche e pantaloni il motivo floreale é inciso profondamente ed in modo impeccabile. Netsuke di alto livello.







  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Meiji Jidai
  • Dimensioni: 5,1cm x 2,4cm x 1,7cm
  • Peso: 16,6gr

Descrizione: netsuke in avorio, risalente al periodo Meiji, firmato Mitsuyuki, di tipo katabori. Con l'avvento del periodo Meiji il Giappone riapre le frontiere e torna la libertá di culto, proibita negli ultimi 250 anni sotto il dominio dello shogunato Tokugawa. Questo netsuke sembra appunto ritrarre un'immagine di stampo cristiano presa dalla strage degli innocenti da parte di erode, in cui un guerriero sembra essere sul punto di giustiziare un infante. Il soggetto indossa una tunica intarsiata in doppia cromia, verde e marrone nei tratti e porta nella mano destra una lama dritta. Il netsuke si presenta in un perfetto stato di conservazione ad eccezione di una piccolissima scheggiatura ditro il piede destro.





  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Tardo Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,0cm x 3,4cm x 1,7cm
  • Peso: 33,0gr

Descrizione: netsuke in avorio, risalente al tardo periodo Edo, firmato GyokuShi, di tipo mennetsuke. Vi é rappresentato un saggio in un'iconografia classica, con la peculiaritá degli occhi che risultano estraibili dalle orbite, effetto "scenico" usato soventemente in questa categoria di netsuke. La parte psteriore é invece ammantata con un motivo di fantasia. Gyoku Shi, attivo giá ad inizio '800, lavorava sia in avorio che in legno.





  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Meiji Jidai
  • Dimensioni: 4,2cm x 5,0cm x 2,6cm
  • Peso: 32,3gr

Descrizione: netsuke in osso del periodo Meiji, XIX sec, firmato Gyokuryu reca una seconda inscrizione in rosso incorniciata che recita Hagoromo. Con la parola Hagoromo si indica il kimono divino dei Tennin, in questo caso della versione femminile Tennyo, esseri spirituali del buddismo giapponese simili agli angeli occidentali. Sono solitamente descritte come esseri di innaturale bellezza vestite con kimono colorati (tradizionalmente in cinque colori) e riccamente ornati con fiori di loto quali simboli di illuminazione. La peculiaritá risiede proprio nel colore, inusuale nei netsuke, qui distribuito su tutta la superficie del kimono. Come da tradizione campeggiano in bella vista numerosi fiori di loto che adornano la veste in diversi punti. Il kimono é elaborato, esuberante e richiama le vesti di foggia antica.






  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni: 5,7cm x 3,0cm x 2,0cm
  • Peso: 21,6gr

Descrizione: netsuke in avorio di elefante, tardo periodo Edo, firmato Tadatomo. Ottima rappresentazione femminile con tradizionale kimono giapponese. Sinuosa nelle forme e ricca in dettagli e disegni. Da notare la fisaschetta per il sake nascosta dietro la scena. Probabilmente un'intrattenitrice.






  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : medio Edo Jidai
  • Dimensioni: 4,0cm x 3,7cm x 2,3cm
  • Peso: 21,3gr

Descrizione: antico netsuke in avorio databile fra la fine del 1700 e l'inizio del 1800. La lavorazione del netsuke è impeccabile e dai dettagli delicati e al contempo fortemente delineati. L'espressività del personaggio ritratto è frutto della maestri dell'artista e ritrae il volto di un giapponese del medio periodo Edo. Nella parte inferiore è presente la mei dell'artista, Mitsukazu. Il netsuke è stato oggetto di un lungo restauro ad opera dei nostri artisti, della scuola dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, nel quale la mano destra, precedentemente mancante, è stata interamente ricostruita. La ricostruzione ha seguito fedelmente tecniche e materiali originali ed è realizzata in avorio antico. È possibile vedere l'opera di restauro nella sezione dedicata al nostro laboratorio.






  • Nome oggetto (kanji): 根付
  • Nome oggetto (romaji): Netsuke
  • Epoca : Meiji Jidai
  • Dimensioni: 3,9cm x 3,1cm x 2,3cm
  • Peso: 19,1gr

Descrizione: netsuke in avorio, risalente al periodo Meiji, firmato Mitsuyuki, di tipo katabori. Questo netsuke ritrae un'immagine del Buddha con una lavorazione propria della tradizione Giapponese, che spesso si ritrova nei netsuke, con la testa appoggiata sulla mano destra chiusa a pugno mentre la sinistra regge un lembo dell'abito. Sotto il piede sinistro vi é apposta la firma dell'artista. Mitsuyuki é noto per le sue lavorazioni in legno ed in avorio. La veste é interamente decorata con un motivo di fantasia alternato ad un motivo floreale, forse fiori di ciliegio.






  • Nome oggetto (kanji): 印篭
  • Nome oggetto (romaji): Inro
  • Epoca : Edo Jidai
  • Dimensioni (inro): 7,0cm x 6,4cm x 2,1cm
  • Dimensioni (netsuke): 4,3cm x 2,4cm x 2,4cm
  • Peso (inro): 34,2gr
  • Peso (netsuke): 9,4gr

Descrizione: inro in lacca urushi rossa, del periodo Edo, raffigurante un falco, sul lato omote, ed una fantasia floreale, sul lato ura. Importante notare che il rosso della lacca urushi ed il falco erano i simboli di Oda Nobunaga, lo shogun al quale succedettero Toyotomi Hideyoshi prima e Tokugawa Ieyasu poi. I dettagli, le sfumature e la lavorazione di questo inro sono eccellenti, dove su alcuni dettagli é ancora visibile l'oro che adornava le decorazioni. Lo inro é diviso in due scompartimenti ed in tutte le sue parti é ancora perfettamente funzionale. Il netsuke é di tipo karakuri, punteggiato da petali colorati dipindi da linee semplici. inro e netsuke riposano in un apposito contenitore di legno kiri.





Sakura Matsuri Antiquariato di Lorenzi Emiliano - Via delle Panche 134a, 50141, Firenze (IT)
P. I.V.A. 06264670487
Tutti i diritti, testuali, video e fotografici, sono riservati.